blog, Uncategorized

Io merito tutto quello che sogno

Di mostri di fine livello, di doni da accogliere.

Si avvicina la fine del 2017 e, in anticipo rispetto al solito, mi trovo a fare i bilanci dei mesi trascorsi in questo impegnativo, delirante, sballottante ed eccitante anno.

Non amo parlare di me e della mia sfera privata entrando nel dettaglio delle cose, anche perchè credo che il dettaglio interessi realmente a me ed a pochi intimi cari intorno a me. L’insegnamento, invece, l’esperienza e ciò che mi è rimasto di utile sono cose che condivido molto molto volentieri.

Perchè? Perchè mi ha colpita una mia amica che mi ha detto “anche tu sei umana!”. Mi sono chiesta che impressione io dia all’esterno… Cyborg? Miss Perfettina? “Lei sorride sempre che ne sa della vita è tutto facile per lei”? Non so, ma credo che con questa condivisione io stia dicendo a tutti e soprattutto a me che sí, sono umana. Umanissima, fallibile, in cammino.

Ti risuona?

Essere in cammino, tra l’altro, significa spesso e volentieri baraonda.

È quello che è successo a me e questo 2017 mi ha letteralmente sbattuto davanti con forza e violenza tutti tutti tutti tutti tutti i miei limiti, i mostri di fine livello da superare. Quando uso i termini “forza e violenza”, lo faccio perchè conosco il significato di queste parole e le uso con consapevolezza: nelle prove offerte dall’Esistenza, c’è stata ben poca tenerezza.
Non ci sono cavoli, ad un certo punto bisogna scegliere di andare ancora oltre e lasciar andare vecchi meccanismi che hanno l’unico ruolo di rallentare il proprio percorso, limitandone lo sviluppo potenziale. Mica semplice, ma si deve fare.

Ed ecco che cosa ho introiettato, cosa ben diversa dal comprendere e capire. Introiettare vuol dire che un insegnamento diventa talmente tanto parte di te, da ESSERE te.

È stato l’anno delle grandi rivelazioni e della presa di consapevolezza che la bugia e l’omissione pagano ZERO. La verità, anche se scomoda da dire, da ascoltare, da assimilare, da sostenere. La verità del proprio cuore è l’unica via da sposare sempre.

Ed a suon di badabum badabam, SBADABUM SBADABAM, ho ricevuto l’insegnamento a stare fuori dal giudizio, a perdonare, a ringraziare tutto ciò che riguarda le mie radici! Ci sono riuscita? Credo di sí, under construction. Nello sbadabum sbadabam ci sono cose che mi sto rendendo conto che sto ancora elaborando. Hai presente quando hai 36 anni e scopri che li hai vissuti per metà? Ecco, ci vuole un attimo. Ed io me lo sto prendendo. Prenditi sempre il tuo tempo, ne hai diritto.

E per questo ho scelto di lasciar andare filtri e blocchi e so che questo porta e porterà conseguenze, mostrandomi chiaramente chi mi è affine e chi no, chi decide di accogliere le mie verità e chi no, considerando che siamo tutti fallibili e che abbiamo tutti il diritto di avere debolezze e di mostrarle e di essere fragili. Possiamo smettere di farci vedere forti ad ogni costo, lo sai?

Ho imparato a perdonare e so che devo imparare a farmi perdonare, ovvero, smettere di sentirmi in colpa per le reazioni del mondo, sapendo ció che mi muove in ogni gesto e parola: integrità e trasparenza (coi dovuti aggiustamenti in corsa da fare) e in molti casi affetto a bizzeffe. Se ció non piace, devo smettere di farmene un problema. Ognuno ha il proprio pezzo e difficilmente dipende da me. O da te.

È stato l’anno delle grandi scelte: scelgo me e la mia gioia o scelgo il solito film, sicuro quanto triste? Ho imparato a scegliere me. Ho imparato realmente ad avere fiducia nel mio percorso: siamo tutti fatti per essere felici, anche io ed anche tu. Di questo ho parlato nei Bagni di Gong di Settembre.

Questa utima consapevolezza, in un anno in cui avrei potuto maturare di tutto e di più, tranne la fiducia, mi ha premiata, mettendomi sul cammino un grande dono, del quale mi stupisco ogni giorno.

Ho imparato anche che il corpo parla e spesso viene scelto dall’Esistenza come mezzo per recapitare messaggi molto importanti. Nel mio caso, speravo di essere meno sorda, ma pian piano uscirò da tutti i miei malanni.

Un anno che mi ha provata emotivamente, ma che mi ha insegnato a prendere drastiche decisioni per fare spazio nella mia vita, come ho suonato ad Ottobre, a sorridere con fiducia e leggerezza, quella di cui ho parlato nei Bagni di Gong di Novembre e che invece mi ha aiutata a stare in piedi anche in quelle giornate in cui “HEY, PER FAVORE, UN PO’ MENO, OK?”.

Sto rielaborando molte delle cose successe, e sto allentando le tensioni date dalle preoccupazioni che ho vissuto giorno dopo giorno. Lo sto ancora facendo, perchè come dicevo, mi sto prendendo il mio tempo.

Ma il 2017 mi ha anche fatto dei regali incredibili. Ho concluso percorsi importanti, IVTOM e Drum Power per esempio, conosciuto persone speciali, molto molto speciali, e per questo trovo le energie per fare tutto, consapevole che se sto affrontando grandi prove, è perchè posso superarle, anche grazie ai doni meravigliosi che ho ricevuto e sto ricevendo.

E se sto ricevendo regali tanto importanti, pieni di tutto ció che ho sempre desiderato, ricchi di tutto quello che aspettavo e che il mio cuore sta accogliendo, è perchè io merito tutto quello sogno.

Tutti meritiamo ció che sognamo e ve lo suonerò nei Bagni di Gong di Dicembre.
Non vedo l’ora.

Buon fine 2017, chissà cosa arriverà!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s